Alta Via della Valmalenco: Da Torre di Santa Maria al Rifugio Carlo Bosio

E’ la prima tappa e consente di portarsi in quota, ai piedi del gruppo del Disgrazia. Il percorso risale la Val Torreggio sino al Rif. Cometti, dove si può pernottare se si desidera spezzare in due la tappa. Il punto più alto del percorso culmina con la cima del Sasso Bianco 2490m, luogo che consente un’ampia veduta panoramica a 360 gradi dal Gruppo dell’Adamello al Monte Rosa, dalle Orobie valtellinesi al Disgrazia, sino al Bernina.
La tappa non presenta alcuna difficoltà. Dislivello notevole.

Torre Santa Maria (frazione Ciappanico – 800 mt) | Alpe Piasci | Rif. Cometti (1720 mt) | Arcoglio sup (2123 mt) | Cima Bianca (2490 mt) | Rif. Bosio (2086 mt)



NOTE:
1 – Nei pressi del maggengo dei Piasci c’è il rifugio Cometti. Si può giungere anche in macchina grazie alla strada che parte dalla frazione di San Giuseppe di Torre S. Maria. Il rifugio Cometti, di proprietà privata, dispone di 30 posti letto ed è aperto a luglio ed a agosto.

2 – E’ possibile raggiungere più velocemente il rifugio Bosio da sentiero Alpe Piasci – Rif. Bosio (tempo di percorrenza 1.30 h)

DIFFICOLTÀ ITINERARIO

E

Itinerario Escursionistico
Itinerario che si svolge su terreni di ogni genere, oppure su evidenti tracce su terreno vario (pascoli, pietraie, detriti), di solito con segnalazioni. Possono esservi brevi tratti pianeggianti o lievemente inclinati di neve residua dove, in caso di caduta, la scivolata si arresta in breve spazio e senza pericoli. Si sviluppa a volte su terreni aperti, senza sentieri ma non problematici, sempre con segnalazioni adeguate.
Può avere singoli passaggi, o tratti brevi su roccia, non esposti, non faticosi ne impegnativi, grazie alla presenza di attrezzature (cavi, scalette, pioli) che però non richiedono l’uso di equipaggiamento specifico (imbragatura, ecc).
Richiede un certo senso d’orientamento, una certa conoscenza ed e esperienza di ambiente alpino, allenamento alla camminata, calzature ed equipaggiamento adeguati.

ALTRE INFORMAZIONI:
Località di partenza: Torre Santa Maria
Quota massima: 2490 mt
Dislivello di salita: 1700 mt
Tempo di salita: 7 h
Segnavia: 305
Periodo consigliato: da giugno a settembre
Particolarità: naturalistiche-paesaggistiche

MAPPA DELLA PRIMA TAPPA:

Route 2.292.161 – powered by www.wandermap.net

VEDI TUTTE LE TAPPE DELL’ALTA VIA DELLA VALMALENCO:
Prima tappa: da Torre Santa Maria al rifugio Carlo Bosio
Seconda tappa: dal rifugio Carlo Bosio al rifugio Gerli-Porro
Terza tappa: dal rifugio Gerli-Porro a Chiareggio
Quarta tappa: da Chiareggio al rifugio Palù
Variante Quarta Tappa: dal rifugio Longoni al rifugio Marinelli Bombardieri
Quinta tappa: dal rifugio Palù al rifugio Marinelli Bombardieri
Variante Quinta tappa: dall’Alpe Musella al rifugio Marinelli Bombardieri
Sesta tappa: dal rifugio Marinelli Bombardieri al rifugio Bignami
Settima tappa: dal rifugio Roberto Bignami al rifugio Cristina
Ottava tappa: dal rifugio Cristina a Torre di Santa Maria

ALTA VIA DELLA VALMALENCOSENTIERO ITALIA

0 Condivisioni