In montagna coi bambini: ecco i tanti vantaggi ad alta quota!

Sono tante le famiglie che decidono di trascorrere le vacanze invernali ed estive in montagna, un ambiente tutto diversi che può portare altrettanti benefici ai bimbi.

Aria pulita, relax e contatto con la natura: queste sono le prime cose che ci vengono in mente quando decidiamo di trascorrere qualche giorni sui monti. Le vacanze ad alta quota sono un vero toccasana per tutti, piccoli e grandi, ed i motivi sono semplici!

L’aria di montagna è più pulita e porta benefici per chi soffre di asma, allergie o problemi respiratori; sopra i 1500 metri, infatti, la percentuale di umidità nell’aria diminuisce drasticamente e – per questo motivo – gli acari non sopravvivono.

In più, anche gli allergeni e le sostanze inquinanti sono quasi assenti, nell’aria di montagna (anche se gli effetti nefasti dell’antropizzazione cominciano a sentirsi anche in montagna), ed è per questo motivo chiunque abbia difficoltà respiratorie quando si trova ad alta quota sarà in grado di respirare un’aria decisamente più pulita.



Inoltre, respirare aria pura, fresca e non umida ha particolari benefici per i bambini perché il loro sistema immunitario si rinforza, così come la loro capacità di termoregolazione, aiutandoli a contrastare meglio le malattie di raffreddamento.

L’altitudine però porta effetti positivi anche sulla produzione di globuli rossi perché verso i 1200/1500 metri l’aria è più rarefatta, a causa di una minore densità di ossigeno: questo fenomeno stimola la formazione di eritrociti e, di conseguenza, alle cellule di tutti i tessuti del nostro organismo arriva più ossigeno.

Bisogna comunque non esagerare con l’altitudine, soprattutto se viaggiamo con i bambini più piccoli: oltre i 2500 metri la densità di ossigeno diminuisce tale da provocare il cosiddetto “mal di montagna” a molte persone i cui i sintomi sono mal di testa, vomito, nausea e vertigini. Per i bambini fino ai 2 anni, si raccomanda di non andare oltre i 2000 metri.

LEGGI ANCHE
Bambini all’aria aperta quando fa freddo? E’ il miglior modo per non farli ammalare!
In montagna con i bambini, i 10 motivi per giocare all’aperto
Io, mamma, scelgo la montagna e vi spiego perché
I bambini intelligenti? Non usano il tablet ma si sporcano nel fango e si arrampicano sugli alberi

Un altro vantaggio della montagna è rappresentato dalle temperature fresche estive che permettono a tutti, soprattutto ai più piccoli, di poter stare all’aria aperta più a lungo (a differenza di quanto succede in città o al mare, dove bisogna evitare di esporsi al sole durante le diverse ora della giornata).

Stare all’aria aperta a lungo stimola il nostro organismo a produrre più vitamina D, fondamentale nei primi anni di vita perchè gioca un ruolo fondamentale nella corretta calcificazione di ossa e denti.

Attenzione però:  i raggi solari UV, in montagna, sono più intensi (del 10/12% circa ogni 1000 metri di altitudine) quindi è bene ricordarsi di applicare la crema solare adatta.

Il poter stare di più all’aria aperta permette ai piccoli di entrare maggiormente in contatto con la natura: toccare diverse consistenze (le foglie, l’erba, la corteccia, le pietre, etc.) stimola i loro sensi, sollecitando la loro curiosità verso il mondo che circonda, invitandoli così ad esplorarlo.

La montagna porta, inoltre, effetti benefici anche sul sonno, per questi motivi: con l’aria più fresca è più facile addormentarsi e dormire tutta la notte e la presenza di zanzare è decisamente minore rispetto alle zone urbane o marittime.

Inoltre, in montagna, i ritmi della giornata sono più rilassanti e scanditi dall’alternarsi della luce e del buio: in questo modo il nostro orologio biologico e quello dei nostri bimbi si sintonizzano più facilmente con l’ambiente, e avremo meno difficoltà nel prendere sonno la sera e nel doverci svegliare la mattina.

E’ bene ricordarsi che, in montagna, è possibile trovare dei importanti centri termali che possono dare un aiuto per diverse patologie di cui possono soffrire anche i bimbi.

Le acque termali hanno proprietà terapeutiche che possono contrastare molti disturbi a carico dell’apparato respiratorio e gastrointestinale. Inoltre sono un toccasana per alcune malattie della pelle e del sistema circolatorio.

Infine, le vacanze in montagna sono anche una cura per lo spirito: ritmi rilassati, aria pulita, movimento fisico e paesaggi mozzafiato rendono i grandi e i piccoli più sereni.

Fare una passeggiata in montagna con la famiglia, percorrere sentieri che portano a un rifugio, scoprire insieme piante, ruscelli, animali rende più saldi i legami tra genitori e bimbi.

Con le giuste attenzioni le nostre vacanze con i nostri bimbi sui monti possono trasformarsi in un’esperienza indimenticabile e salutare.

Fonte: https://www.prontopannolino.it

UNA LISTA DI ARTICOLI:





SALUTE MONTAGNABAMBINI IN MONTAGNA