Montorfano: la mulattiera strappata alla roccia

Dominata da una maestosa parete una mulattiera strappata alla roccia ti guiderà in un turbinio di emozioni diverse come i riflessi creati dalla luce sulle rocce: passerai per un gigantesco anfratto naturale e, dopo tortuosi tornanti dove il tuo respiro potrà riposare perdendosi nel panorama, arriverai a una polveriera scavata dall’uomo nel cuore della montagna solitaria.

DIFFICOLTÀ ITINERARIO

E

Itinerario Escursionistico
Itinerario che si svolge su terreni di ogni genere, oppure su evidenti tracce su terreno vario (pascoli, pietraie, detriti), di solito con segnalazioni. Possono esservi brevi tratti pianeggianti o lievemente inclinati di neve residua dove, in caso di caduta, la scivolata si arresta in breve spazio e senza pericoli. Si sviluppa a volte su terreni aperti, senza sentieri ma non problematici, sempre con segnalazioni adeguate.
Può avere singoli passaggi, o tratti brevi su roccia, non esposti, non faticosi ne impegnativi, grazie alla presenza di attrezzature (cavi, scalette, pioli) che però non richiedono l’uso di equipaggiamento specifico (imbragatura, ecc).
Richiede un certo senso d’orientamento, una certa conoscenza ed e esperienza di ambiente alpino, allenamento alla camminata, calzature ed equipaggiamento adeguati.

ALTRE INFORMAZIONI:
Località di partenza: Prà Michelaccio di Mergozzo
Quota massima: 600 mt
Dislivello di salita: 400 mt
Tempo di salita: 2 ore e 15 minuti
Segnaletica: buona
Periodo consigliato: da Febbraio ad Novembre
Particolarità: naturalistiche-paesaggistiche

ITINERARIO

SCARICA LA TRACCIA .GPX

Dal parcheggio della località Prà Michelaccio di Mergozzo percorri la strada per Gravellona per circa 500m e devia a sinistra per un breve tratto su strada sterrata e quindi prosegui sul sentiero.
La salita continua attraversando pietraie e sfiorando pareti di roccia: è necessario salire con attenzione.
A metà della salita la mulattiera, scavata nella roccia, entra in uno spettacolare e gigantesco anfratto naturale nella parete, luogo di grande suggestione che saprà sicuramente affascinarti.

SCOPRI ANCHE:
Rifugio Fantoli
Val Grande
Rifugio Alpe Parpinasca
Casa dell’Alpino A.N.A.

Proseguendo sino alla fine del sentiero, sempre salendo lungo i tortuosi tornanti incisi nella roccia, arriverai alla “polveriera” ricavata nel cuore della montagna, ma per qualche minuto perditi nel panorama.

Per il ritorno puoi seguire lo stesso itinerario oppure scendere lungo la strada militare recentemente ripristinata, che ti riporterà a Prà Michelaccio.

Fonte: terrealtelaghi.it

TERRE ALTE LAGHI DisgraziaVALLE D’OSSOLATREKKING IN PIEMONTE

10 Condivisioni