Guida al trekking: Come preparare lo zaino perfetto

Anche il miglior zaino non è efficace e causa dolori alla schiena se non è regolato correttamente o se non è stato preparato in modo ottimale. Per un trekking di successo è importante regolarlo in base alla statura corporea. Ripartendo il peso in modo ottimale si cammina meglio e si accresce l’equilibrio.
Come impostare lo zaino in modo ottimale?
Fonte: sportxx.ch

[mks_list type=”ol” style=”ol_squared”]

  1. Per provare lo zaino si consiglia di caricarlo (ca. 8 kg) e in seguito di allentare tutte le cinghie. Indossare lo zaino.
  2. Collocare la cintura lombare a metà dei fianchi (posto dove sporgono le ossa) e stringere. Le parti estreme dell’imbottitura deve sporgere di circa 3 cm dai fianchi.
  3. Stringere gli spallacci in modo che il peso principale sia ancora ripartito sulla cintura lombare. L’imbottitura delle spalle deve essere ben in contatto con il corpo. Le fasce di regolazione alla fine degli spallacci dovrebbero essere all’altezza delle ascelle. Se sono troppo alte significa che l’altezza il dorsale è troppo bassa (gli spallacci sono troppo stretti o scivolano via). Se sono troppo basse significa che il dorsale è troppo lungo (irritazioni su collo e braccia)a o le bottiglie.
  4. Chiudere e stringere la fascia pettorale fino a che si ottiene una posizione comoda senza tuttavia compromettere la respirazione. La fascia pettorale stabilizza gli spallacci e ripartisce così il peso in modo ottimale.
  5. Fasce di regolazione: a seconda del terreno, le fasce di regolazione permettono di aumentare la libertà di movimento (allentate in caso di terreno semplice) o di migliorare la ripartizione del carico (strette in caso di terreno difficile). Al fine di garantire una funzione ottimale, le fasce di regolazione hanno un’angolatura di 45° (30° fino max. 60°).

[/mks_list]

[mks_separator style=”solid” height=”1″]Come caricare lo zaino?
Fonte: sportxx.ch

[mks_list type=”ol” style=”ol_squared”]

  1. Scomparto inferiore
    Nella parte inferiore vengono soprattutto messi oggetti leggeri come p. es. sacco a pelo e beauty case. Le fessure possono essere riempite con t-shirt o biancheria.
  2. Scomparto principale (parte centrale)
    Nello scomparto principale vengono messi gli oggetti più pesanti come p. es. funi, carabina, scarpe, bibite, vestiti e cibo.
  3. Tasche d’inserimento
    Nelle tasche d’inserimento laterali è possibile collocare le aste della tenda o le bottiglie.
  4. Scomparto nel cappuccio
    Qui vengono collocati oggetti piccoli che devono essere a portata di mano quali apparecchio fotografico, fazzoletti di carta e il set di pronto soccorso.
  5. Fasce di compressione
    Le fasce di compressione permettono di adeguare il volume al contenuto in base alle necessità (p. es. man mano che la dispensa diminuisce durante gite di più giorni). Stringendo le fasce si migliorano la ripartizione e il controllo del peso.
  6. Fissaggio
    Si consiglia di fissare solo oggetti leggeri allo zaino, come materassino o indumenti bagnati. Una coulisse elastica può servire a fissare i bastoncini da trekking.

[/mks_list]

Se si prevede un tempo instabile si consiglia di mettere vestiti, sacco a pelo ecc. in sacchi impermeabili o di plastica.

REGOLA D’ORO: Evitare di mettere nello zaino cose superflue.

[mks_separator style=”solid” height=”1″]La ripartizione ideale del peso favorisce la camminata

È importante che lo zaino sia preparato in modo equilibrato. A seconda del terreno il centro di gravità dello zaino deve essere più alto (terreno semplice) o più basso (terreno difficile).

Fonte: Deuter
Sbagliato!

Il centro di gravità è collocato nella parte inferiore dello zaino e quindi lontano dal centro di gravità del corpo. Ciò disloca il peso verso il basso e il corpo è in costante lotta contro il peso dello zaino. Gli spallacci e quindi le spalle vengono maggiormente sollecitati. Su terreni difficili che esigono un buon equilibrio ciò può comportare un alto rischio.

Fonte: Deuter
Terreno semplice – p. es. bosco e sentieri

Sui terreni facili con una buona superficie (p. es. sentieri prealpini) il centro di gravità dello zaino deve essere all’altezza delle scapole.

Fonte: Deuder
Terreno difficile – sentieri in montagna e alpini

Al fine di avvicinare il centro di gravità dello zaino a quello del corpo, occorre collocare gli oggetti pesanti in fondo allo scomparto principale. Adottando una posizione leggermente inclinata in avanti si bilancia il peso e si riesce meglio a restare in equilibrio.

Fonte:sportxx.ch